domenica 20 aprile 2014

venerdì 18 aprile 2014

Buona livella a tutti!

L'avvicinarsi del 25 aprile, con l'atteso seguito di requiem sulla Resistenza che fu e mai più sarà (tranne decidersi una buona volta a non più rispettar leggi indecenti che ci rendono complici del cappio che già strozza qualcuno oggi e ne strozzerà di più domani), mi va di giocare d'anticipo ricordando a me stessa (e a chi lo voglia) che sopra ogni cosa, sopra a tutto e tutti, sta la giustiziera che non fa sconti di pena né concede tre gradi di giudizio prima di eseguir sentenza.
Certa che nulla ci sia più possibile (tranne forse una seria e universale resistenza passiva che fermi l'indecenza), auguro a tutti più che una Buona Pasqua di Resurrezione, un lungo week-end di Riflessione e Meditazione sull'assoluta imparzialità della falciatrice contro la quale davvero, There Is Not Alternative.
Per tutto il resto, oggi come oggi, auguro a chiunque di trovare nell'uovo di cioccolato una Master Card Oro con credito illimitato. 
Senza, è garantito che prima o poi 'a livella sembrerà a chiunque molto più clemente di T.I.N.A.
'A livella
Ogn'anno, il due novembre, c'è l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio
(Madonna!) si ce penzo, che paura!
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del '31".

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e 'stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe' segno, sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo 'stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i 'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato... dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c'o' tubbo, 'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'na scopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo... calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura
;
la Vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente".

"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé... piglia 'sta violenza...
'A verità, Marché, mme so' scucciato
'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!..
.

Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
Ccà dinto, 'o vvuo capi, ca simmo eguale?...

...Muorto si' tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato è tale e qquale".

"Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale... Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo... 'int'a cervella
che staje malato ancora È fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?... è una livella.

'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,  stamme a ssenti... nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino - che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo â morte!". 
P.S. L'uomo che dimentichi che sono nascita e morte i suoi confini è un uomo marcito dentro.
Dove scompare la consapevolezza dei limiti dell'esistenza, scompare la giustizia. 
Solo il rispetto dei limiti scritti nella vita è misura di ciò che è giusto.
Ma io vedo (e leggo) di uomini che rubano e son graziati. 
Di uomini che legiferano sull'esistenza altrui fino a decretare giusta la morte per fame e freddo di altri uomini pur di salvare un capitale astratto che si nutre però di morti veri.
Sento (e leggo) di pance piene che dettano sacrifici alle pance vuote.
Di assetati cacciati dalle fonti perché la sete di guadagni sull'acqua viene prima della sete umana.
Di chi da anni paga case strapagate è sbattuto in strada per salvare il profitto di chi ha cento case, tutte chiuse.
Di chi guadagna tanto da non poperli spendere in una vita imporre a chi non ha nulla di vivere con meno di niente, ringraziando pure quella mano astiosa e il piede fetente sul culo innocente.
Non vi può essere pace dove non vi è giustizia.
Non vi può essere giustizia dove la misura non è il limite dell'esistenza ma il montante del capitale investito.
Dio è morto.
Il Potere del Dio denaro è divenuto misura di un'Immortalità illusoria senza Giustizia e perciò senza Pace.
Solo nella consapevolezza che la misura della vita e della giustizia sono nascita e morte, è possibile un'autentica Resurrezione. 
Non uccidete l'Agnello.

martedì 15 aprile 2014

Se queste son le pene...

Condannato a 4 anni per frode fiscale per "evasione notevolissima".
La pena (si fa per dire...)
- 3 anni gli sono stati condonati per via dell'indulto. 
- il 4° (cioè 1), lo "sconta" in prova ai servizi sociali presso una struttura per anziani dove avrà obbligo di presenza (udite udite) almeno 1 volta a settimana per almeno 4 ore consecutive. (Posso considerare il cambio pannoloni agli anziani una simbolica ma ampiamente prevista presa per il culo?)
- E' però autorizzato a recarsi a Roma, dal martedì al giovedì, con rientro al suo domicilio in Lombardia, entro le ore 23 del giovedì stesso. (eh, ma che maniere! E se ha un contrattempo, che fanno? Lo arrestano?)
- Interdetto dai pubblici uffici per 2 anni, è però ricevuto al Quirinale, evidentemente ormai "ufficio privato".

Conclusioni: frodare il fisco italiano è molto meglio che pagare le tasse. 
Costa appena quel po' di disturbo 4 ore a settimana, ma se sai suonare il piano e canticchiare qualche canzoncina da ex crocierista, i vecchietti al prossimo giro ti votano in massa.

Per la serie: chi ha paura di Equitalia? Fatevi arrestare e chiedete lo stesso trattamento concesso al frodatore italiano n° 1!


Un grande. Nulla da dire. Bravo. 
Se queste son le pene Lui (che un pronome con la maiuscola a questo punto gli spetta), è un grande esempio per tutti noi.
Prossime elezioni io lo voto, ve lo dico, ché di rivoluzionari sempre in forse e di sfigati rispettosi della legge e perciò sempre in bolletta e affamati, non se ne può più.

Stay hungry, stay foolish: frodate il fisco!
(rende più dei miseri 80€ promessi dal vuoto col buco intorno) 

venerdì 11 aprile 2014

Coincidenze

1. Ddl riduce la pena sul voto di scambio: "Si sta facendo un regalo ai boss", afferma il capogruppo M5S al Senato Maurizio Buccarella commentando il rinvio a martedì dell'esame del ddl contro il voto di scambio...
Intanto che si aspetta martedì, ci si attrezza e si corre...
2. Provenzano è all'Ospedale
3. Totò Riina, Leoluca Bagarella e altri 200 detenuti in regime di 41 bis da "decine d'anni", vengono spostati ad altre strutture "per evitare l'eccessiva permanenza negli stessi luoghi" per "trasferimenti che avvengono periodicamente"
4. Ieri ordine di arresto per Dell'Utri, ma pare risulti latitante (chi deve sapere, sa prima...Giusto?)
5. Qualcuno di nostra noiosa conoscenza evita il carcere per "ragioni di età" (ha superato i 70 anni) e in qualche modo gli si mantiene la vecchia promessa di evitargli il carcere e di salvargli le proprietà

Quali erano le richieste del "Papello" nella Trattativa Stato-Mafia?
  1. Revisione della sentenza del maxi-processo
  2. Annullamento del decreto legge 41 bis
  3. Revisione della legge Rognoni-La Torre (reato di associazione mafiosa)
  4. Riforma della legge sui pentiti
  5. Riconoscimento dei benefici dissociati per i condannati per mafia (come per le Brigate Rosse)
  6. Arresti domiciliari dopo i 70 anni di età
  7. Chiusura delle super-carceri
  8. Carcerazione vicino alle case dei familiari
  9. Nessuna censura sulla posta dei familiari
  10. Misure di prevenzione e rapporto con i familiari
  11. Arresto solo in flagranza di reato
  12. Defiscalizzazione della benzina in Sicilia (come per Aosta)
- Il punto 11 è spassosissimo, una chicca: mi vedo Brusca attardarsi sul ciglio dell'autostrada mentre sta per esplodere la carica di tritolo che all'ultimo salta sulla Panda partendo a razzo per evitare di essere arrestato "in flagranza di reato"...
- Sul 12esimo punto, che invece non conoscevo, chissà come e perché mi tornano in mente forconi e indipendentisti.
Mi verrà in mente, il perché della mia perversa associazione, portate pazienza e vi sforno qualche ideuzza...
- L'8 mi ricorda che il 2015 si avvicina e i lavori per l'Expo devono marciare a passo di carica. Opera è alle porte di Milano, giusto? Vicini "alle case dei familiari", appunto... 

P.S. A proposito di svolta autoritaria e lo "stare sul pezzo": per come la vedo io, quanto sopra sulle coincidenze mafiose odierne non è cosa diversa da quanto detto in tema Costituzione al post precedente. 
Sono la stessa cosa, Stato e Mafia, in questo Paese.

martedì 1 aprile 2014

Contro "...la svolta autoritaria"

Questo blog aderisce e condivide l'appello "Verso una svolta autoritaria" e non pubblicherà alcun'altro post fino a che il Presidente del Consglio e il Presidente della Repubblica non si fermeranno dal proseguire verso la svolta autoritaria ricordata nell'appello stesso.
L'intento è quello di iniziare una conta a smentita di quanto afferma il Presidente del Consiglio Matteo Renzi quando dice che, sulle riforme da lui e dal suo governo volute a tempi forzati, e per di più in assenza di voci contrarie e di ogni discussione:
“E’ fondamentale” che si arrivi all’approvazione della prima lettura del disegno di legge “entro il 25 maggio, entro le elezioni europee“. ”I nomi e i cognomi di chi vuole bloccare il cambiamento li dirò alla fine della votazione” sul ddl riforme ma “saranno minoranza al Senato e nel Paese”. “Credo che ce la faremo” aggiunge.
Ecco, sfido il Presidente del Consiglio a dimostrare che a "bloccare il cambiamento" è "una minoranza del Paese".
Se ogni blog si ferma e mette in homepage questo appello, sarà davvero dura affermare che le riforme che vuole lui le vuole "il Paese".

Credo non si possa tacere e che non sia possibile accettare che a decidere sia un governo non eletto e arrogante al punto da pretendere di rappresentarlo zittendolo.

Faccio inoltre mie, insieme all'appello, le parole con cui lo condivide oggi Giulietto Chiesa su Megachip:
Aderisco e condivido integralmente.
Manca soltanto la denuncia delle responsabilità del Capo dello Stato che, di una tale svolta autoritaria è stato, più che complice, artefice.
Non so se, e quando, verrà il tempo della giustizia, ma dobbiamo dire che, se riusciremo a farlo tornare, ci impegnamo a cancellare lo stravolgimento della Costituzione, che viene attuato da organi senza legittimazione, che agiscono con la complicità della forza e dell'inganno.
-----

Promemoria in attesa del 25 aprile (che voglio capire come possa un re ancora oggi dirsi antifascista e posare alloro mentre insieme, convintamente, spinge perché ciò che è stato torni una nuova realtà)

Nascita di una dittatura in 7 punti (il resto lo trovate qui):

1.1922: Il primo governo Mussolini, al quale partecipano anche ministri liberali, ottiene il voto di fiducia di un ampio fronte parlamentare che va dalla maggioranza dei liberali al partito popolare (306 voti favorevoli e 116 contrari). Utilizzando i poteri costituzionali…
(già, fu eletto anche con i voti dei popolari e dei liberali. Dice niente?)

2. …rafforzamento del potere esecutivo, indebolimento delle prerogative del Parlamento…
(ma va???)

3. …nel 1923, viene approvata una nuova legge elettorale, la legge Acerbo, che elimina di fatto il sistema proporzionale fissando un premio di maggioranza pari ai 2/3 dei seggi per la lista che ottiene più del 25%
(tenuto conto che allora non c'era la potenza di fuoco attuale di media al servizio del regime e che i partiti erano molti più di oggi, con l'attuale premio di maggioranza sono riusciti a far perfino peggio)

4. …alla Camera dei deputati, del resto chiusa per lunghi periodi agli oppositori, i fascisti, non permettevano praticamente più di prendere la parola. Mussolini si esprimeva contro "il parlamentarismo parolaio", che, diceva, gli faceva solo perdere tempo. 
(ricorda qualcosa?)

5. …decretò il licenziamento di migliaia di impiegati statali...modificò lo Statuto stabilendo che al capo del governo, nominato dal re e non più soggetto alla fiducia parlamentare, venivano attribuiti poteri speciali tra cui la nomina a sua discrezione dei ministri e la decisione sugli argomenti in discussione in Parlamento...
(nulla di così diverso da ciò che succede oggi, a parte le corone in testa...)

6. …Tutti questi provvedimenti, che tra l’altro aumentavano i poteri dell’esecutivo sul legislativo, passarono in novembre alla Camera e al Senato senza che fosse consentita la minima discussione
(recentemente un ministro, richiesta da un giornalista circa l'apertura di una discussione sulle previste riforme del lavoro, ha risposto che non crede ci sarà tempo perché il governo ha fretta di approvare tutto in tempi brevi...per dire...)

7. La soppressione di libere elezioni completa l’opera. Il regime parlamentare, a questo punto, non esiste più, sostituito da un regime autoritario a partito unico, incentrato sull’autorità del capo del governo...
(lasciamoli fare, che entro novembre la ruota del tempo avrà fatto un giro completo all'indietro riportandoci al 1925...)